domenica 4 luglio 2010

Prima corsa podistica

Questa mattina ho partecipato alla mia prima 'uscita pubblica' dopo che ho iniziato la mia nuova vita sportiva: la corsa podistica di Riva di Suzzara; una corsa rinomata e molto pubblicizzata: sulla gazzetta il giorno prima c'era un trafiletto di 2 righe dove si annunciava una corsa podistica e un numero di telefono dove rispondeva sempre la segreteria... vabbe' comunque la mattina mi presento alle 8.30 per parteciparvi, tanto sarei andato a correre comunque e tanto valeva partecipare vista la curiosità.
Tre i percosi: 6, 12 e 18; cosa poteveo scegliere? Dopo la sbiciclata di ieri e la settimana intensa di attività sportiva la mia coscienza mi faceva propendere per i 12, ma i 18 mi tentavano troppo ed infatti li ho fatti.
Ok, l'evento non era uno di quelli troppo importanti, certo gruppi podisti ce n'erano e anche altra gente, ma l'agitazione dalla sera prima a fino a prima dell'evento l'ho avuta; troppe per me le incognite: come affrontare la corsa? bevo o no ai punti ristoro? parto col mio ritmo o seguo la massa? come mi vesto? dove metto i soldi e le chiavi? prendo su un cambio? ecc... Tutte cose che un podista sa bene, io ho dovuto imparale li.
La corsa di per se è andata, non benissimo, ma è andata; il Garmin alla fine mi ha contato 16,3 Km e non 18 come dovevano essere, ma poi ho saputo che c'erano dei pezzi di golena in riva al po che erano allagati o pieni di fango per cui hanno dovuto cambiare il percorso e probabilmente hanno sbagliato qualcosa nelle misurazioni. Queste deviazioni purtroppo ci hanno fatto correre costantemente al sole, con un caldo infernale; ho faticato tantissimo, molto più del solito; mi è capitato più volte di maledire la corsa e io che ho deciso di andarci, ma come al solito al traguardo ci si dimentica di tutto e si gode della sensazione di avercela fatta.
Adesso che ho rotto il ghiaccio questo venerdì a Luzzara proverò la 9Km serale, ormai sono lanciato!