domenica 20 dicembre 2009

Il primo obiettivo: correre trenta minuti

Devo dire che correre non mi è mai tanto piaciuto, troppo faticoso e soprattutto monotono.
A scuola ho fatto atletica ed ero un mezzo campioncino (ho vinto le provinciali di salto ad ostacoli in prima media), ma poi col passare degli anni il mio animo un po 'artistico' ha preso il sopravvento e mi son dato alla musica (noise/indie, niente cover...quanti bei ricodi... ma questa è un'altra storia).
Col passare del tempo e delle esperienze mi sono sempre più impoltrito, ero un impiegato in un ufficio acquisti, poi mi sono rimesso in discussione cambiando completamente lavoro e sono diventato un programmatore informatico, e comunque sono sempre stato dietro ad una scrivania.
Ah dimenticavo: e sono sempre stato un fumatore incallito (quasi 20 anni di fumo con puntate anche di un pacchetto al giorno).
Due anni fa ho smesso di fumare, e questa volta sembra funzionare (in realtà ogni tanto sfumacchio ma cmq non è tanto frequente anzi). E' stato una cosa sicuramente positiva e ne sono molto contento perche' chi fuma sa quanto è difficile smettere, ma sono letteralmente lievitato: ho messo su 10 chili come ridere, mangiavo invece che fumare, di tutto.
Questa estate ho tirato fuori la bici e ho iniziato a pedalare per la bassa tutti i giorni, macinando chilometri e sudate (anche non volevo sotto il sole alle 2 di pomeriggio si suda come dei cammelli :)), ho riiniziato a giocare a tennis, ad uscire, ad andare in montagna a camminare riscoprendo la gioia di fare fatica.
Terminato le ferie estive mi sono ripromesso di continuare questa mia attività: ma cosa si può fare alla sera tornati dal lavoro? Palestra? naahhhhh la odio. Nuoto? naaaah ho nuotato per 2 anni assiduamente ma è troppo brigoso e poi dovrei prendere su la macchina. Corsa? hmmm corsa? ma si dai, torno dal lavoro, mi metto un paio di scarpe e corro un po, ma diamoci un obiettivo: correre 30 minuti senza fermarsi, per me che non sono un corridore può essere un buon obiettivo.
Mi sono documentato e ho trovato questo programma da seguire per correre la mia prima mezz'ora.
Si parte davvero molto gradatamente, il primo giorno per esempio si fa 1 minuto di corsa e 1 minuto di camminata ripetuto per 5 volte. Per uno come me è stato ottimo iniziare così. Gli allenamenti sono 3 volte alla settimana e nel giro di 12 settimane si arriva a correre per trenta minuti.
I primi allenamenti sono quasi ridicoli ma pian pianino si aumenta.
Il segreto per arrivare in fondo per me è stato quello di imporsi di andarci tutte le volte che dice il programma, seguendolo come fosse una bibbia; caldo, vento, piggia, mal di testa ecc, non sono scuse valide.
Col passare dei giorni ho iniziato ad apprezzare i momenti in cui mi sentivo bene, con l'aumentare delle distanze coperte ad apprezzare il ritmo e le cadenze dei passi, il sudore e il piacevole benessere della doccia a fine attività, insomma mi sono innamorato del correre.
Le prime settimane volano via tranquille e non si fa fatica, arrivati ai 5/6 minuti di corsa continua le cose cambiano. Il primo traguardo dei 10 minuti da soddisfazione e poi è tutto un crescendo di fatica ma anche di soffisfazione per i piccoli traguardi raggiunti.
Ho terminato il programma a fine novembre e questo mi ha reso molto orgoglioso di me stesso non tanto per i 30 minuti che possono sembrare poca cosa per chi fa sport veramente o chi corre sul serio, ma perchè ho terminato il mio modesto obiettivo con tenacia e senza mai dire 'ma si stasera non ci vado, ci vado domani'.
Un piccolo passo per un runner, un grande passo per il Babba!!